News



04/04/2018

COSTRUZIONI: Norme Tecniche, le recenti valutazioni dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI).

In data 20 febbraio 2018 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero delle Infrastrutture 17 gennaio 2018 recante: “Testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni” su cui è stata sancita l’Intesa nella seduta della Conferenza Unificata del 22 dicembre 2016. Le nuove norme tecniche sono entrate in vigore trenta giorni dopo la pubblicazione dei rispettivi decreti in Gazzetta Ufficiale e pertanto il 22 marzo 2018.

ediliziaaa
Riportiamo qui di seguito la nota di lettura dell'Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) al decreto del Ministero delle Infrastrutture 17 gennaio 2018 relativo al “Testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni”.


In considerazione del ruolo istituzionale dell’ANCI e del suo rapporto con i territori dove operano le imprese del settore costruzioni che tali norme tecniche dovranno applicare, riteniamo utile ed opportuno divulgare la lettura che l’ANCI fa delle NTC 2018 ai fini della loro applicazione pratica.


Rispetto alle Norme Tecniche del 2008 il testo è stato parzialmente rivisto, integrato ed aggiornato nei contenuti specifici, sia in relazione all’evoluzione tecnico-scientifica del settore delle costruzioni sia a seguito dell’aggiornamento della normativa comunitaria in materia di prodotti da costruzione, nonché nella prospettiva di una sempre maggiore integrazione delle norme nazionali con i documenti normativi europei, fra cui gli Eurocodici.


La sicurezza strutturale degli edifici, e quindi la pubblica incolumità, è uno dei temi cardine su cui sarà posta altissima attenzione nelle nuove costruzioni, con regole in generale molto stringenti, ma più flessibili negli edifici esistenti. Il grosso nodo rimane, infatti, il “costruito” poiché sono urgenti le richieste di riqualificazione in chiave antisismica dell’edificato; richieste coerenti con il concetto di “consumo di suolo zero” e con il “recupero di aree degradate” per innalzarne il livello di vivibilità.