News



20/12/2019

CREDITO – Riaperto il Bando Internazionalizzazione

Il bando intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all'internazionalizzazione in Paesi esterni all'Unione Europea.

internazionalizzazione

La Regione Toscana con il presente bando, approvato con D.D. 12057 del 23.07.2018, intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all'Unione Europea delle micro, piccole e medie imprese (MPMI), in attuazione dell'Azione 3.4.2 del POR Fesr 2014-2020, in conformità alle disposizioni comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese.

Con il presente bando la Regione Toscana concede agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale, anche nella forma di voucher (limitatamente alle spese rivolte a fornitori nazionali), ai sensi del Regolamento (UE) del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.

Destinatari
Possono presentare domanda Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), o i liberi professionisti, in forma singola o associata in RTI/ATS, Reti di imprese con personalità giuridica, Reti di imprese senza personalità giuridica, Consorzi, Società Consortili, esercitanti un’attività identificata come primaria rientrante in uno dei seguenti Codici ATECO ISTAT 2007:

Settore manifatturiero:
 

  • Estrazione di minerali da cave e miniere ad esclusione del gruppo 05.1, 05.2 e della classe 08.92;
  • Attività manifatturiere, ad esclusione del gruppo 19.1;
  • Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
  • Fornitura di acqua, reti fognarie, attivita di gestione dei rifiuti e risanamento;
  • Costruzioni;
  • Trasporto e magazzinaggio ad esclusione dei gruppi 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2;
  • Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione della divisione 60 e dei gruppi 61.9 e 63.9;
  • Attività professionali, scientifiche e tecniche; 
  • Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, limitatamente al codice 82.3;
  • Attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, limitatamente al gruppo 90.03.02;
  • Altre attività di servizi, limitatamente alla categoria 96.01.1;


Settore turistico:

 

  • Servizi di alloggio e ristorazione, limitatamente ai codici 55.1, 55.2, 55.3, 55.9;
  • Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, limitatamente al codice 79;
  • Attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, limitatamente al gruppo 93.29.20.
  • ed in possesso dei requisiti di ammissibilità disciplinati ai paragrafi 2.1 e 2.2 del presente Bando.


Localizzazione
L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato da imprese localizzate nel territorio della Regione Toscana.

Spese ammissibili
Le spese per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione ammissibili all’aiuto, conformemente a quanto previsto dal Regolamento (UE) n. 1407/2013, sono riconducibili alle seguenti tipologie:
 

  • Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale
  • Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero
  • Servizi promozionali
  • Supporto specialistico all’internazionalizzazione
  • Supporto all'innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati


Durata e termini di realizzazione del progetto
Non sono ammissibili progetti gia' conclusi, in quanto il comma 6 dell' art. 65 del Reg. UE 1303/2013 a cui il bando sottostà, stablisce che: "Non sono selezionati per il sostegno dei fondi SIE le operazioni portate materialmente a termine o completamente attuate prima che la domanda di finanziamento nell'ambito del programma sia presentata dal beneficiario all'autorità di gestione, a prescindere dal fatto che tutti i relativi pagamenti siano stati effettuati dal beneficiario".

Pertanto il progetto risulterà ammissibile solo se lo stesso prevederà anche ulteriori spese non ancora sostenute.

L’inizio anticipato del progetto è una facoltà a completo beneficio del richiedente e non influisce sul termine finale stabilito per la realizzazione del programma di investimento. I progetti di investimento devono concludersi entro 8 mesi dalla data di comunicazione della concessione, senza possibilità di proroga.

I progetti si considerano conclusi quando i servizi sono stati erogati ed i relativi costi fatturati e pagati.

Scadenza
Le domande potranno essere presentate in via continuativa fino ad esaurimento delle risorse definite nel Piano finanziario incrementate del 10%.
La Regione Toscana tramite Sviluppo Toscana S.p.A. comunica tempestivamente, con avviso da pubblicare sul portale di Sviluppo Toscana, l'avvenuto esaurimento delle risorse disponibili.

Per ricevere maggiori informazioni contatta l'Ufficio credito più vicino.