News



13/06/2018

Il “gioco interrotto” di Pizzichini per ricordare Marco Betti.

Un pallone in bronzo collocato su un albero della piazza a Monticiano. Pizzichini con la sua straordinaria sensibilità ha creato una vera e propria magia

monticianobetti1monticianobetti2monticianobetti4

“Ogni persona che arriverà a Monticiano dovrà trovare nella piazza centrale un ricordo speciale di Marco Betti”, questo si dissero gli amici poco dopo la scomparsa. La commozione era molta, ma altrettanto era grande la determinazione nel portare avanti questa idea. Qualche mese fa gli amici di Marco interpellarono Carlo Pizzichini, nativo di Monticiano ed artista di fama che va ben oltre i confini italiani, per capire come rendere possibile questo desiderio, che ovviamente la Cna ha sposato immediatamente contribuendo alla realizzazione. Fin da subito Carlo non ebbe dubbi; insieme a Marco in quella piazza aveva giocato a pallone e decine di volte il gioco si era interrotto perché la palla finiva sui grandi alberi che delimitano la piazza. Pizzichini con la sua straordinaria sensibilità ha creato una vera e propria magia, ben descritta dalle sue parole al momento dell’inaugurazione: “Mi sono ricordato di quando eravamo bambini e le nostre partite si fermavano perché la palla si incastrava fra i rami. Ora un pallone in bronzo simboleggia tutto questo, perché la nostra partita con Marco si è solo interrotta, ma non è terminata. Lui è sempre con noi. Poi per guardare questa opera dobbiamo alzare gli occhi verso il cielo e sarà facile pensare che da lassù ci guardi sempre”.