News



15/04/2018

Accesso al credito, una vera emergenza. Molte imprese rischiano di essere escluse

Iniziativa Cna a Chiusi. Negli ultimi due anni anche nel senese c'è stato un calo nelle erogazioni bancarie. Gli strumenti Cna a disposizione delle imprese. Artigiancredito e Artigiancassa supporto fondamentale

  • Fabio Petri
  • Francesco Simone direttore Artigiancassa
  • Alessandro Brilli direttore generale Cna Siena
  • Paolo Pasqualetti direttore Artigiancredito Toscano
  • Sala iniziativa Cna a Chiusi

“Il credito alle imprese è un’emergenza nazionale. Fin dai prossimi mesi oltre il 30% delle imprese rischia di essere tagliata fuori dai finanziamenti bancari”, questo il fortissimo allarme lanciato da Fabio Petri, presidente Cna Siena e vice presidente nazionale dell’associazione con delega al credito, durante un’iniziativa svolta a Chiusi dal titolo “Senza credito alle piccole imprese, quale crescita?”, a significare che la salute finanziaria delle aziende è l’elemento fondamentale per crescita del territorio e dunque dell’Italia. “Le piccole e micro imprese rappresentano il 95% della produzione italiana. Chi ha resistito ad otto anni di dura crisi merita rispetto e tutela. Gli enti locali devono fare scelte coraggiose e lungimiranti per abbassare le imposte e favorire gli investimenti. In parallelo le banche devono riprendere le erogazioni al mondo della produzione con continuità”, sottolinea Petri. “Noi affianchiamo le imprese con gli strumenti operativi e concreti in grado di supportare il sistema bancario. Artigiancassa e Artigiancredito hanno dimostrato la loro efficacia e dunque Cna rilancia con forza il loro ruolo. Ora è necessario che le banche cambino il loro approccio ed il futuro Governo si metta al tavolo con l’Europa per cambiare le regole che rischiano di essere devastanti. I parametri attuali sono dissociati dalla realtà”, ha sottolineato con forza Petri.

Sulla stessa linea Francesco Simone, direttore generale di Artigiancassa, presente all’iniziativa Cna: “La velocità del cambiamento in atto e la trasformazione dell’economia post crisi ci obbliga ad una grande attenzione e razionalità nella programmazione. Le nuove regole europee favoriscono le banche e vanno contro la semplificazione nelle erogazioni alle imprese. Chi sta uscendo dalla crisi è perché ha fatto investimenti e innovazione e senza un adeguato supporto di liquidità si rischia di veder vanificati gli sforzi fatti. Noi supportiamo le imprese, ma le regole devono cambiare”.

Non fa sconti a nessuno neppure Paolo Pasqualetti, direttore generale di Artigiancredito Toscano: “In questi anni Cna ha dato un grande impulso e forza al nostro consorzio fidi, riunendo tante piccole realtà nella struttura attuale. Gli anni della crisi sono stati duri per tutti, anche per noi. Per le pmi e le micro imprese gli strumenti che offriamo insieme a Cna sono vitali. Negli ultimi due anni anche nel territorio senese c'è stato un calo nelle erogazioni bancarie. Solo nel primo semestre 2017 la flessione è stata del 5.6%. Per questo abbiamo messo a punto tutto quanto necessario per supportare le aziende. Metteremo a disposizione strumenti alternativi al sistema Bancario. L’erogazione del piccolo credito in linea diretta sarà uno di questi, così come l’intervento diretto dello stesso Act per la patrimonializzazione delle Imprese. Con Cna abbiamo fatto un grande lavoro e proseguiremo con ancora più forza ancora”.

Molto chiaro e netto il pensiero del direttore generale Cna Siena Alessandro Brilli, che ha moderato questa iniziativa: “Artigiancredito Toscano e Artigiancassa sono i nostri strumenti e con loro abbiamo lavorato e lavoreremo per renderli un riferimento d’eccellenza per il mondo delle imprese. Cna ha da sempre considerato il settore finanziario centrale della propria strategia e per questo da tempo si è dotata di un area tecnica, presente in tutti gli uffici provinciali, dedicata a supportare le aziende sia nella gestione finanziaria ordinaria, ma anche e soprattutto nella consulenza specializzata per cogliere tutte le opportunità degli strumenti e dei bandi disponibili”.